Save the Children:Quale Paese è migliore per essere Mamma?

Pubblicato il da Serena

http://farm1.staticflickr.com/34/107976940_6375c6253d_n.jpgFOTO Sean Dreilinger (Flickr)

Questa la domanda che si pone alla base del XIII Rapporto sullo stato delle madri nel mondo condotta da Save de Children. La classifica stilata e diffusa in occasione della Festa della Mamma appena passata, conta 165 Paesi che sono catalogati per:

-grado d'istruzione;

-stato di salute;

-condizioni economiche e sociali delle mamme;

-stato di salute infantile.

Secondo tale ricerca e stando ai dati diffusi, in questa classifica l'Italia si aggiudica la 21 posizione. NOn è un bel traguardo visto che nel rapporto precedente (che risale a due anni fa era al 17 posto. Sostanzialmente si posiziona a metà della classifica riguardante 43 Paesi industrializzati.

Il posto peggiore per essere mamma è il Niger, mentre l'Afghanistan è in salita e abbandona l'ultimo posto. La qualità di vita delle mamme norvegesi invece è esemplare (primo posto)!

Uno dei punti su cui Save the Children pone l'avvento è la grande disparità che esiste tra la Norvegia (prim posto) e il Niger (ultimo in classifica, ossia più generalmente tra paesi ricchi e poveri.

 

PER LEGGERE TUTTO L'ARTICOLO CLICCA QUI 

Commenta il post

Claudia 05/15/2012 22:58

Come non detto.. credevo l'articolo si riferisse al numero delle nascite, non alla qualità di benessere delle madri . Allora non è colpa mia ! Claudia

Serena 05/15/2012 23:12



ecco...come vedi ho sbagliato anche a rispondere al commento. Ok... qualcuno direbbe:questo è il bello della diretta!:P



Claudia 05/15/2012 22:53

È colpa mia (e non mi dispiace neanche tanto ..) .. :-)) Claudia

Serena 05/15/2012 23:11



In effetti non riuscivo a capire il commento!! Mi stavo rompendo la testa cercando una risposta che non fosse quella che era stata palesata...ahahah mi sento molto meglio...;))



monica c. 05/15/2012 00:23

ma non siamo mai in pole position in nessun campo?

mara 05/14/2012 16:24

L'Italia oltre il 20,poesto? che tristezza