Provincia di Parma: 17 municipi su 47, non sono accessibili ai disabili

Pubblicato il da Serena

http://www.ausili-per-disabili.it/images/rampe-disabili.jpgFonte: Ausili Per Disabili il portale specializzato per disabili, portatori di handicap e invalidi.

Liberaccesso è il nome di un progetto promosso dalla provincia di Parma che, in seguito ad un attento esame delle città parmensi, ha stilato una dettagliata lista delle tante limitazioni che quotidianamente ostacolano la circolazione dei disabili ed ha classificato le varie località in base al grado di accessibilità.

 

 

Quel gradino di troppo,il cui superamento è d’uopo per chi vuole accedere alla comando dei carabinieri di Soragna; quel parcheggio accessibile ai diversamente abili che alla C.C.I.A.A. di Parma è soltanto un miraggio, sono soltanto alcuni dei moltissimi esempi rilevati dall’indagine.

Più precisamente potremmo elencare ben 200 situazioni diverse, perché 200 sono le strutture passate al setaccio. Immobili che sono stati scrupolosamente visitati,analizzati e giudicati, per decretarne la conformità o meno ad accogliere un soggetto diversamente abile.

Al termine delle rilevazioni, ogni località è stata contrassegnata sulla cartina, con un colore e ad ogni tonalità è stata fatta corrispondere una valutazione circa la capacità del luogo ad essere visitato da un disabile.

Più precisamente:

Verdi sono i luoghi risultati praticabili almeno fino al 70% e sono caratterizzati dalla presenza di parcheggi destinati ai disabili, servizi igienici ad “hoc” e ascensori;

Se una città si colora di blu, vuol dire che è praticabile fino al 60%;

Le località rosse o gialle invece, sono sostanzialmente impraticabili da individui sulla sedia a rotelle.

Tra i luoghi pubblici visitati, il bollino verde lo meritano soprattutto le scuole, mentre gli uffici pubblici rientrano nella Black List.

Parma, insieme ad altri 15, dei 47 municipi esaminati, si colora di verde, mentre altri 17 sono stati contrassegnati con il bollino rosso.

Perché è stato realizzato questo progetto?

L’iniziativa Liberoaccesso è stata promossa per diffondere un messaggio di civile attenzione alle esigenze dei disabili.

Individui che, dopo essere stati privati della gioia di camminare, devono fare i conti anche con l’indifferenza del prossimo che quotidianamente gli nega addirittura l’accesso al suo stesso luogo natìo.

Con tag Cronaca

Commenta il post

MARA 10/24/2012 15:10

Bel post Serena su una tematica molto importante :-)
anche io ho trattato argomenti in merito ...per sensibilizzare l'opinione pubblica