Il gioco della Lippa: Viaggio alla riscoperta dei giochi di una volta.

Pubblicato il da Serena

 

 

4721929536_30897201de.jpg

Spesso, non si sa come far giocare i bambini. Quando il tempo lo permette, è consigliabile spronarli  svolgere attività ludiche all’aria aperta, sottraendoli così, (almeno per un po’) al potere ipnotico della televisione. Se è possibile, è consigliabile partecipare in modo attivo ai giochi proposti, questo infatti, rafforza i rapporti famigliari, e favorisce la coalizione tra i membri. Il gioco proposto in questo articolo, è quello che ci vuole per passare divertenti momenti, coinvolgendo adulti e bambini.

La lippa: Cenni Storici

Questo gioco, ha origini lontane, nasce nel  XVI secolo, e trae origine dal riutilizzo dei bastoni usati nella filatura, o per battere il grano. Fino all’avvento del calcio, era uno dei giochi più praticati in Italia.

Occorrente:

Per giocare alla Lippa, non serve molto:

1)Campo da gioco: rappresentato da uno spazio sterrato od asfaltato;

2)Il bastone lungo 40-70 cm. Con angoli leggermente smussati (va benissimo anche un manico di scopa con un diametro di circa 3cm.). Se volete potete personalizzare il vostro bastone intagliandolo con il coltello.

3)La lippa: rappresentata da un bastone di 8-15 cm., con lo stesso diametro del bastone e con le estremità appuntite (potrete affusolarlo alle estremità con il coltello);

4)Almeno due giocatori: battitore ed avversario.

Al centro, da un lato del campo da gioco, si traccerà un’area circolare, con un raggio pari alla lunghezza del bastone. Tale area, prende il nome di casa.

Per giocare, si pone la lippa all’interno della casa, con l’asse rivolta verso il fondo campo. Il battitore, avvisa l’avversario che sta procedendo con il colpo e, dopo aver ricevuto risposta, colpisce con il bastone la parte acuminata della lippa, rivolta verso il campo. Se il colpo è stato ben assestato, la lippa s’innalzerà ruotando. Mentre è in aria, il battitore la colpirà nuovamente con il bastone, cercando di lanciarla il più lontano possibile lungo l’area di gioco.

L’avversario, posto circa a metà del campo,deve tentare di fermare la lippa, afferrandola con le mani:

1)se riesce nell’intento, i giocatori si scambiano i ruoli  e nessun punto viene assegnato;

2)se la presa non riesce, l’avversario raccoglierà la lippa e, lanciandola, tenterà di colpire il bastone che il battitore avrà piazzato nella casa, con l’asse lungo la linea ideale che unisce il punto in cui la lippa è caduta e la casa.

Relativamente alla seconda ipotesi, il gioco può proseguire in due modi:

1)Se la lippa colpisce il bastone, il gioco passa di mano;

 2)Se il colpo non va a segno, il battitore raccoglie il bastone e da il segno di raccolta, battendo tre colpi a terra (se dimentica di battere i tre colpi, il gioco passa di mano).

 A questo punto, il battitore ha diritto a colpire la lippa, (che non deve essere spostata dal luogo di caduta) per tre volte consecutive. Se uno dei tre tiri a disposizione, riesce particolarmente bene, il battitore può rinunciare a battere i restanti colpi. Dopo il terzo colpo (o dopo il colpo ben riuscito), l’avversario dichiara la presumibile distanza tra l’ultimo punto di caduta della lippa e la casa, utilizzando, come unità di misura, la lunghezza del bastone. Il battitore può accettare o non accettare  la distanza dichiarata dall’avversario:

 1)Se accetta, il gioco passa e la cifra enunciata, diventa punteggio a favore del battitore;

 2)Se non accetta, dice all’avversario di “lavorare”, ossia di misurare la distanza utilizzando il bastone.

Nella seconda ipotesi

1)Se la misurazione effettiva, è minore di quella dichiarata, i punti diventano patrimonio dell’avversario;

2)Se risulta maggiore, il battitore guadagnerà un punteggio doppio di quello inizialmente offerto dall’avversario.

Il punteggio da raggiungere, va stabilito ad inizio gioco, solitamente varia dai 500 ai 1000 punti.

Come tutti i giochi popolari, esistono molte varianti del gioco della lippa, ve ne citiamo alcune:

Poggiando la lippa su di un sasso piatto, colpendola con il bastone per farla alzare, e colpendola ancora in aria, si può, convenendolo dall’inizio, giocare:

a chi la fa ruotare più volte nell’aria;

a lanciare la lippa con il bastone, cercando di colpire degli oggetti;

il battitore lancia la lippa con il bastone mentre il battitore, con un cappello o con un cesto, deve tentare di prenderla, evitando di farla cadere a terra.

In tutte le varianti di gioco proposte, i giocatori devono essere in numero pari e minimo due. Se si formano delle squadre, quando il gioco passa di mano, si cambia giocatore.

Non mi resta che augurarvi Buon divertimento!

Commenta il post